Virtual Agency

Creare uno studio video per lavorare con i social

Chiunque lavori con i social a livello professionale, per se o per un’azienda si troverà a dover produrre contenuti video professionali, e di conseguenza avrà bisogno di un piccolo studio video.

Ma a differenza delle grandi strutture la maggior parte dei piccoli professionisti ha un budget limitato, e non può acquistare i migliori strumenti e le possibili varianti necessarie, ma solo una piccola selezione di qualità.

In questo articolo andremo a vedere quali sono i “must have” di un piccolo studio di video making per creare contenuti per i social.

Budget a disposizione

Qualsiasi acquisto è condizionato dal budget, ed avendo ben chiaro quale sia la capacità di acquisto a nostra disposizione non ci troveremo in un secondo momento ad aver acquistato prodotti di fasce differenti a causa di una cattiva gestione del portafoglio.

Per semplificare questo passaggio, ho creato una serie di semplici setup che indicano il tipo di attrezzatura necessaria ma non il modello, vi consiglio di visionare un sito specializzato in questo settore prima di effettuare l’acquisto.

Basso budget (250-500€)

Budget standard (900-2000€)

Budget professionisti (dai 3500€ in su)

Dove effettuare gli acquisti

Tranne forse per qualche rivenditore nazionale, ormai l’acquisto di una camera è condizionato dai prezzi di Amazon. Per quanto riguarda invece i gadget complementari ai grossi acquisti va benissimo anche AliExpress o Wish. I prodotti non saranno di qualità, ma funzionano ed è sicuramente meglio comprare un prodotto molto economico per poi passare ad uno professionale che uno di fascia media.

Scegliere la videocamera migliore

Superata l’opzione del cellulare, che però per certi versi rimane la migliore, si comincia a scalare questa complessa piramide alla base della quale ci sono le webcam professionali, che per certi versi sono un

Certo, la scelta di una videocamera dipende molto dal format del proprio canale o delle proprie creazioni, ma di norma è quasi sempre consigliabile una sola soluzione, ossia un oggetto che risponda al meglio per uno dei nostri bisogni (se parliamo di basso budget).

Proprio per questo, prima di effettuare un acquisto è sempre meglio prendere confidenza con il proprio lavoro, e solo successivamente effettuare un acquisto. Esistono persino corsi di fotografia che utilizzano i cellulari come mezzo, motivo per cui se non siete professionisti non abbiate fretta di spendere.

Appoggi

Si tratta di una categoria semplice da gestire, perché ormai è abbastanza semplice spendere poco ed acquistare un prodotto funzionale. Badate bene, funzionale ma la cui obsolescenza vi costringerà ad acquistare successivamente qualcosa di qualitativamente superiore.

Anche in questo caso, l’acquisto è condizionato dalla camera, motivo per cui è sempre meglio coordinare le spese e non effettuarle in maniera asincrona, per non avere sorprese di compatibilità dei prodotti.

Microfono

Non esistono microfoni di media qualità, esistono prodotti acquistabili e giocattoli. Capisco che forse l’esternazione può risultare forte ma vi assicuro che è vero.

In media un microfono è un acquisto duraturo, e la qualità audio (o la sua mancanza) sono un elemento che a volte non si nota neppure, perché risulta di background rispetto al più immediato video. Ma vi assicuro che sui grandi numeri, la differenza di qualità è ciò che vi aiuterà nella vostra trasformazione in professionisti.

Sfondo

Tutto sommato, è una spesa che rimane bassa fino alla fine, e che può essere ovviata in molti modi. Una bella scrivania viene spesso usata anche in canali Youtube di successo, e da questo punto di vista credo sia corretto dire che più dello sfondo la necessità del creator sia quella di avere un buono spazio in cui inserire lo sfondo.

Illuminazione

Ci sono degli strumenti che oltre che utili vengono subito percepiti come “professionali” Tra questi ci sono sicuramente gli anelli di luce, che generano la classica aureola negli occhi di chi vi si trova davanti ma che per certi versi è anche un effetto “desiderato”.

Anche da questo punto di vista la spesa non è incredibile, anche se richiede sicuramente di uno po di spazio da dedicare all’attrezzatura, un po come succede per lo sfondo.

Editing video e copertina

Gli strumenti che utilizziamo per realizzare una copertina tendono ad essere professionali sin dall’inizio, anche se magari chi li utilizza si impratichirà col tempo. L’alto standard di gradevolezza estetica richiesto dai social ha generato una sorta di pre professionalizzazione, in cui persino gli strumenti gratuiti di graphic design permettono degli ottimi lavori.

Un esempio su tutti è il caso di Canva, che fornisce perfino immagini da aggiungere alle proprie creazioni. Da questo punto di vista infatti maggiore sarà il numero di contenuti creati e la loro qualità, più probabile sarà il ricorso all’acquisto di immagini presso siti specializzati.

Per quanto riguarda i software di video editing il discorso è ancora più semplice, perché una volta acquistatone uno difficilmente si passerà ad altro. Certo, sempre che questo sia uno dei migliori (o più conosciuti, il settore è parecchio virtuoso ed in media i software sono di ottima qualità).