Virtual Agency

Installare WordPress in una subdirectory

Creare un sito a volte richiede l’utilizzo di diverse piattaforme, come accade nel caso delle piattaforme WordPress utilizzate in subdirectory dedicate alla realizzazione di un blog aziendale.

Si tratta infatti di generare una directory, inserire i file di WordPress e generare un database. Al di là della propria esperienza, le operazioni da compiere sono molto semplici, chiunque può farle.

NOTA: esiste anche la possibilità di generare un’installazione WordPress in un sotto dominio; le due operazioni hanno vantaggi e svantaggi differenti da un punto di vista del rapporto tra il posizionamento dell’installazione e quella del sito principale.

Creare un’installazione WordPress in una subdirectory

Esistono diversi modi per installare WordPress in una subdirectory, e ogni metodo si riferisce ad un particolare tipo di pannello di controllo installato nell’account

In questo articolo spiegherò come portare a termine la procedura su due dei pannelli di controllo più famosi, Plesk e CPanel, e infine come installare una versione di WordPress indipendentemente dal tipo di pannello di controllo a disposizione.

Installazione con Plesk

Si tratta di un’operazione molto semplice, basta selezionare la voce di menu laterale sinistro WordPress > Install, e scegliere di installare WordPress nello stesso dominio dell’installazione principale, selezionando però una directory.

Non importa che la directory sia stata generata precedentemente, basta solo che venga esplicata durante l’installazione, come da immagine.

In questo caso ho generato una directory di nome “WordPress” giusto per rendere evidente l’operazione, ma ovviamente si tenderà ad inserire un nome inerente alla funzione dell’installazione.

Installazione con CPanel

CPanel offre uno strumento al suo interno (nella maggior parte delle versioni) che si chiama Softaculous, che permette l’installazione di diversi software. Oltre a questa opzione il pannello di controllo principale di CPanel offre un bottone che si chiama appunto WordPress e che si trova nella sezione Auto Installanti.

Quale che sia il percorso scelto, ci si ritroverà a dover scegliere un dominio e una directory, come indicato per Plesk. Una volta completata l’operazione, sarà possibile accedere dall’url composta dal dominio, dalla subdirectory selezionata e dallo slug /wp-admin/ nell’installazione.

Installazione tradizionale

Esiste anche la versione di effettuare un’installazione a partire da uno spazio che permetta di effettuare l’upload di file tramite FTP e che permetta la generazione di un database MySQL.

Per iniziare bisogna scaricare l’ultima versione del CMS dal sito WordPress.org, scaricarlo tramite il browser sul proprio PC ed estrarre la cartella “wordpress”.

Una volta effettuata l’operazione bisogna caricare tutti i file scaricati ed estratti precedentemente e caricarli in una subdirectory dove è presente il sito visualizzato dal dominio su cui noi vogliamo permettere di visualizzare l’installazione attuale come directory del sito.

A questo punto è necessario generare un database MySQL in cui creare un nuovo utente, a cui verranno forniti tutti i privilegi di creazione e modifica.

A questo punto basta installare i file WordPress scaricati nello spazio web andando sulla URL contenente la directory generata, come ad esempio www.example.com/la-tua-directory/ e premere Continua sull’installazione.

Ad un certo punto sarà necessario fornire le informazioni relative al database per connetterli con i file installanti, ed il gioco è fatto.