Virtual Agency Esci dalla modalità Reader

Come implementare i dati strutturati in 3 semplici step

Come implementare i dati strutturati in 3 semplici mosse:

Aiutare i motori di ricerca a comprendere il contenuto di una pagina e mostrare le SERP con risultati personalizzati è qualcosa che sempre più siti web cercano di ottenere, dati strutturati, posizioni zero e molte altre feature che la SERP di google mette a disposizione. In questo articolo gentilmente ospitato da Francesco Giammanco, trattiamo come implementare i propri dati strutturati in 3 semplici step:

Implementa i tuoi tag

A seconda del set up del sito, di come è stato configurato e del numero di dati strutturati da implementare, per i SEO sono disponibili diverse soluzioni. La soluzione più semplice consiste nell’utilizzare un plug in dedicato se il cms che utilizziamo ce lo permette, come “l’estensione Schema per WordPress”.

Ma non tutti i siti hanno questa possibilità purtroppo. Sono quindi possibili due opzioni alternative:

Chi decide di implementare autonomamente i propri dati strutturati può scegliere tra tre formati: microdati, RDF o JSON-LD.

“I primi due sono integrati nella struttura della pagina attraverso gli attributi dei tag HTML e sono quindi posizionati sui tag che vengono utilizzati per visualizzare il contenuto della pagina per l’utente. Google consiglia invece l’uso di JSON-LD, il cui markup è diverso dal contenuto visibile all’utente, il che semplifica la gestione delle informazioni in quanto è indipendente dalla sua visualizzazione sul sito”.

I dati strutturati in JSON sono implementati tramite un tag <script> nel header del corpo della pagina <header>. Ad esempio immaginiamo di volerli implementare per un logo di un’azienda, ci viene fuori una cosa del genere:

<script type="application/ld+json">
{
  "@context": "https://schema.org",

  "@type": "Organization",

  "url": "http://www.example.com",

  "logo": "http://www.example.com/images/logo.png"
}
</script>

Google offre a coloro che non magari non hanno familiarità con il codice uno strumento per l’implementazione del markup che accompagna gli utenti passo dopo passo. L’interfaccia consente di scegliere in successione:

Grazie alla funzione “raggruppa pagine” che generalizza l’applicazione dell’indicatore di dati con tag su pagine con la stessa struttura e un formato URL abbastanza simile: “Google comprende gradualmente la struttura delle pagine e applica gradualmente lo stesso tipo di dati strutturati a tutte quelle pagine”.

Per quanto riguarda coloro che preferiscono passare tramite Google Tag Manager, devono creare tag contenenti tag di dati strutturati. “Sono attivati ​​da un trigger che viene attivato quando viene visualizzata una delle pagine interessate. E questo trigger può essere facilmente configurabile con GTM per una precisa tipologia di pagina”.

Controllo dell’implementazione

I dati strutturati aiutano i motori di ricerca a comprendere meglio un sito e possiamo dire anche il  mondo del web. Google ha quindi tutto l’interesse a farli modificare correttamente e offre diversi strumenti per garantire che il markup sia comprensibile per i propri crawler. Dopo aver svuotato le cache del sito e / o del server per garantire che vengano prese in considerazione le ultime modifiche, il consulente seo può utilizzare:

Lo strumento per testare i dati strutturati per analizzare una pagina tramite il suo URL o un estratto di codice (utile per testare il markup prima della pubblicazione). Lo strumento indica i tag che contengono errori o che non sono perfettamente ottimizzati.

Lo strumento per testare i rich snippet, ancora in fase di sviluppo. “Quest’ultimo si concentra solo su coloro che possono attivare una schermata specifico, come ad esempio le ricette”, Vantaggio: questo strumento testa i dati sia per la parte mobile che desktop.

La Search Console offre dalla primavera 2019 un rapporto aggiuntivo sui dati strutturati rilevati sul dominio dai robot di scansione di Google. Vi sono aree di miglioramento e la possibilità di vedere se nelle pagine sono presenti anche errori relativi ai dati.

Alcuni strumenti di analisi che permettono la scansione, come Screaming Frog, offrono anche il monitoraggio del markup dei dati strutturati. Consentono di “elencare tutti i contenuti di un sito e la maggior parte di essi ora visualizza informazioni sul markup schema.org.

Per quanto riguarda il sapere esattamente quali dati strutturati portano vantaggio in termini di posizionamento, i SEO richiedono cautela. “Possiamo notare le posizioni medie e il CTR delle pagine prima di implementare i dati strutturati e confrontarli con le stesse metriche dopo la loro implementazione, ma questi risultati possono essere facilmente falsati, soprattutto se è in corso una campagna di Link Building”perché entrano in gioco molti altri fattori.

Articolo offerto da Giulio di Gstar SEO