UX copywriting

L’articolo parla del ruolo dell’UX Copywriter e del suo rapporto con la progettazione dell’interfaccia utente di un software, con il miglioramento del coinvolgimento degli utenti nei servizi web tramite l’utilizzo di testo e immagini.

Cos’è la UX Copywriting (o UX writing)?

L’UX Copywriting, o UX writing è la materia che studia la comunicazione integrata di immagini, forme, colori e testo al fine di migliorare l’usabilità di una creazione online, sia essa una piattaforma di uso pubblico o un servizio.

Come le altre forme di copywriting ha sempre un risvolto legato alla commercialità o alla socialità del software in cui risiede.

lavoro di uno UX Copywriter su Mailchimp
Esempio di UX Copywriting su Mailchimp

Chi utilizza la UX copywriting?

Non sempre esiste una figura specializzata all’interno di un progetto che venga designato come UX copywriter, motivo per cui bisogna formare un membro del team affinché se ne occupi.

A volte il graphic designer o un creativo può essere un sostituto ideale per completare le operazioni inerenti al lavoro. Potrebbero non essere considerati specialisti nella creazione del copy, ma sanno tutto sull’architettura delle informazioni e sulla navigabilità di un servizio.

I progettisti UI / UX sanno ricercare inoltre le specificità del pubblico di destinazione, quindi sanno come presentare le informazioni visive.

Copywriter e designer possono fare UX lavorando separatamente e generando gli aspetti della creazione separatamente, anche se è sempre una buona idea collaborare e condividere le esperienze.

Di fatto è ragionevole prendere in considerazione l’assunzione di un writer UX quando la produttività aziendale nel campo della creazione di progetti richieda il supporto di uno specialista in diversi lavori, quando effettivamente è necessario affidare una parte del lavoro ben settorializzata.

esempio di ux copywriting

Cosa rende efficiente lo UX Copywriter

La presenza di una quantità minima di testo a volte fa pensare che si tratti di un lavoro semplice generarlo, e che richieda poco tempo.

Da sempre la creazione di CTA (call to action) può richiedere molto più tempo e fatica rispetto alla scrittura di un copy tradizionale e, in confronto, prolisso.

Lo studio del testo e la sua realizzazione di solito può utilizzare da solo una parola a frasi brevi che dovrebbero svolgere diverse funzioni. Nella scrittura di UX ogni parola “conta”.

Oltre alla parte puramente informativa, esiste un intero aspetto legato alle call to actions e alla commercialità (obiettivi del business) dietro questo lavoro.

Gli utenti non devono capire cosa si intende, ma il copy dovrebbe essere semplice in modo che le persone possano interagire con il prodotto in modo intuitivo. Se gli utenti non si accorgono di essere guidati, la scrittura di UX ha avuto successo.

Da questo punto di vista bisogna infatti capire che non esiste un testo valido per tutti, ma che è possibile generare solo contenuti basati sul contesto e sul pubblico di destinazione.

differenze tra figure professionali per la UX

Consigli per lo UX Copywriter aziendale

Ci sono alcuni suggerimenti che spesso risultano essenziali per assicurarsi che il testo realizzato funzioni:

  • Mettiti nei panni degli utenti: devi capire quando gli utenti hanno bisogno di aiuto. La ricerca degli utenti aiuta ad apprendere qual’è il pubblico di destinazione tanto che, conoscendo le loro peculiarità, puoi utilizzare le loro necessità per trasformarle in indicazioni testuali.
  • Non usare un parole complicate: la scrittura UX deve essere chiara e semplice. Il testo deve essere facile e veloce da leggere e percepire, motivo per cui le parole difficili potrebbero non aiutare.
  • Scrivi breve e poi rendilo ancora più breve: si parla di microcopy, e non a caso. Il testo deve essere breve ma significativo, in modo da non attirare troppa attenzione, guidando le persone nella loro esperienza ma senza farli soffermare sulle istruzioni.
  • Servono test su varie audience: la base di questo lavoro è il test, ed ogni contenuto terminato è necessario che venga esaminato prima da almeno un paio di colleghi, possibilmente specialisti di design o UX, poi tramite dei test online sull’utenza.
  • Essere creativo: includere solo messaggi informativi e pure brevi non è una buona scusa per essere noiosi. Rompere la tensione che può crearsi se gli utenti fanno qualcosa di sbagliato o sbagliano percorso di ricerca è utile, basta ricordarsi di essere contenuti all’interno del tipo di comunicazione che il software ricerca o che ha già messo in campo.
  • Aggiungi immagini: è possibile utilizzare foto e illustrazioni personalizzate per rafforzare il messaggio.
  • Riflettere la comunicazione del brand. prima di scrivere un testo è necessario conoscere la vision e la mission del marchio in modo da risultare in linea con il messaggio.

La scrittura UX è una nuova professione, interessante e ricercata. I professionisti di UX devono considerare questa materia come un altro strumento necessario per una maggiore soddisfazione dell’utente.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *