Wordpress, il cms più famoso

WordPress è un CMS open source gratuito che gestisce il 34% dei siti presenti sul web. Per iniziare ad utilizzarlo è possibile scaricarlo dal sito o direttamente crearne uno su WordPress.

La differenza tra le due opzioni è che la prima richiede un nome dominio e uno spazio, acquistati entrambi tramite un host, la seconda è una strada più facile perché viene offerto gratuitamente un sotto dominio di wordpress ma si avranno a disposizione meno opzioni di gestione dello spazio e del codice.

Si può testare WordPress su un PC?

Esistono molte guide che spiegano come installare WordPress sullo spazio del PC, e tutte partono dall’installazione di un software per la creazione di uno spazio di sviluppo PHP, il linguaggio di programmazione di cui WordPress è composto in larga parte.

Uno dei software più famosi è XAMPP disponibile sia per Windows che per Linux. A questo punto potrai scaricare i componenti ufficiali (li trovi sempre sul sito del tool) per installare un sito di prova e testare plugin e temi grafici.

Per quanto riguarda i siti sviluppati sul dominio WordPress, sarà sempre possibile acquistare un altro spazio o puntare i lavori creati su un altro dominio.

logo wordpress

Perché WordPress così facile da utilizzare?

WordPress, come tutti i CMS, permette di creare pagine ed articoli senza bisogno di conoscere il codice. Tramite i pannelli

Ogni sito WordPress, o Woocommerce, l’estensione ufficiale per trasformare un sito in un e-commerce, è composto da una sezione visibile al pubblico, o front-end, e una visione privata, o back-end, in cui è possibile modificare le pagine o crearne di nuove.

Nel back end le voci del menu aprono dei sotto menu che permettono di visualizzare opzioni per gestire alcuni aspetti del sito.

Le voci sono ben ordinate e una volta presa la mano è semplice districarsi:

  • Home e Aggiornamenti: si tratta di aree preposte alle news e all’aggiornamento di temi grafici e plugin.
  • Articoli: si tratta degli articoli del blog, organizzati in categorie e tramite tag (da usare come specifica del tema trattato). Il sistema di scrittura è semplice e non richiede conoscenza di CSS o HTML.
  • Media: documenti (pdf e altri), video e fotografie, caricabili dal tuo PC all’installazione WordPress con un semplice clic.
  • Commenti: si tratta dei commenti lasciati sugli articoli, da moderare, modificare o cancellare.
  • Aspetto: tramite questa sezione puoi modificare il tema grafico in uso, cambiarlo in favore di altri, modificare il codice di cui è composto per rimuovere / aggiungere funzioni.
  • Plugin: come dice il nome stesso puoi aggiungere e rimuovere plugin, attivarli o disattivarli, modificarne il codice.
  • Utenti: un sito WordPress ha almeno un account amministratore, ma è possibile includere un numero illimitato di utenti, ognuno dei quali con le proprie limitazioni di accesso alle funzioni del sito.
  • Strumenti: si tratta di un pannello il cui nome è parzialmente attinente (molte degli strumenti base del sito si trovano in impostazioni) ed è preposto all’esportazione / importazione dei dati della piattaforma.
  • Impostazioni: i sotto-menu sono tanti e spesso i plugin ne aggiungono di altri. La funzione di questa voce è quella di razionalizzare le impostazioni generali del sito (gestione dei permalink, della privacy, delle opzioni di scrittura e lettura del sito).
  • Altri: come avete visto non ho citato molte voci del menu, che però non sono presenti in tutte le installazioni. Plugin e temi grafici aggiungono delle loro sezioni, per gestire velocemente alcune opzioni messe a disposizione dell’utente.

Cosa sono i temi grafici?

I temi grafici sono dei software che si prendono cura delle opzioni relative alla grafica del front-end.

Esistono diverse categorie di temi, a seconda che siano pre-costruiti, builder o framework. La differenza tra queste categorie è il tempo e le conoscenze richieste per operare:

I temi grafici pre-costruiti non hanno bisogno (e non permettono) grandi variazioni nella pagina ma non richiedono conoscenze del codice.

I builder sono dei temi grafici flessibili, che supportano il creatore del sito tramite pannelli ed elementi pre-costruiti, che permettono di utilizzare CSS o HTML sono per risolvere quei problemi non gestiti dai pannelli.

I framework invece sono quella categoria di temi sicuramente meno intuitivi, che rispettano la semantica del codice e richiedono una conoscenza maggiore di HTML e CSS.

E i plugin?

I plugin sono delle sotto funzioni di WordPress, che ne ampliano l’usabilità. Esistono plugin che introducono nuove opzioni e altri che migliorano la qualità del codice o della navigazione dell’utente.

Un plugin è composto da una base di PHP necessario per comunicare con il Core del CMS, e le funzioni inserite in specifici file, la cui architettura può variare ma esistono delle regole di costruzione da rispettare.

Per chi avesse una buona conoscenza di codice e avesse intenzione di trasformarlo in un plugin, vi consiglio di utilizzare un progetto open source, Boilerplate, un generatore di plugin.

Vota

Recommended Posts

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *